A Londra tra arte e teatro

Dal 21 al 25 aprile 2017 undici soci dei CGS La Giostra sono stati a Londra con l’obiettivo di compiere un viaggio culturale all’insegna dell’arte e del teatro. Il viaggio si è svolto in cinque giorni ricchi di visite, passeggiate e rappresentazioni teatrali nei principali quartieri della città. Dopo un primo giorno dedicato all’arrivo e alla sistemazione, nella seconda giornata il gruppo ha visitato il British Museum con i suoi circa 20 milioni di oggetti storici tra i quali la celebre stele di Rosetta, ha passeggiato per Green Park ed ha ammirato i monumenti-simbolo di Londra: il Buckingham Palace, il Westminster Palace, il Big Ben ed il London Eye; dopo un pranzo tipico in un locale della città il gruppo ha preso la metropolitana inglese per raggiungere Trafalgar Square, enorme piazza dedicata alla battaglia di Trafalgar, con al centro l’altissima colonna dell’ammiraglio Horatio Nelson, piazza che il 22 aprile era luogo di festa poiché il giorno successivo si sarebbe celebrato San Giorgio. Questa piazza è anche sede di una delle più grandi pinacoteche del mondo, la famosa National Gallery, in cui il gruppo si è soffermato ad ammirare le più grandi opere di pittori quali Botticelli, Tiziano, Leonardo da Vinci, Turner, Rembrandt, Velasquez, Monet, Cezanne e Van Gogh con i suoi “Girasoli”.

Sabato pomeriggio il gruppo, passando per Leicester Square, ha passeggiato nel quartiere di Soho in cui si trova la famosa Piccadilly Circus, centro dove si incontrano le più grandi vie dello shopping londinese. La sera per i membri del C.G.S. è stato il momento di assistere al celeberrimo musical Disney “The Lion King” al Lyceum Theatre, teatro che da oltre quindici anni porta in scena quest’opera e ogni giorno vede i suoi 2000 posti occupati. Domenica 23 aprile gli undici sono andati a messa a St. Peter, chiesa cattolica in cui tanti italiani residenti a Londra partecipano alle celebrazioni svolte parte in inglese e parte in italiano. In seguito il gruppo del C.G.S. ha preso il treno per raggiungere la zona 3 di Londra, un tempo palude ma oggi rinata grazie alla costruzione del Villaggio Olimpico che ha ospitato le olimpiadi del 2012: nel parco si trovano diversi impianti sportivi fra i quali lo stadio Olimpico (dove gioca il West Ham) ed il London Aquatics Centre. A due passi si trova il Westfield Stratford Shopping Centre ovvero il più grande centro commerciale d’Europa, dove il gruppo ha potuto pranzare e fare acquisti. Dopo cena si è presentata l’occasione di vedere Londra “by night”, in particolare il Tower Bridge e la zona di South Bank, dove si trovano la celebre ruota panoramica chiamata London Eye e il National Theatre. Lunedì i membri dell’associazione hanno fatto il tour nel backstage del National Theatre, dove hanno visitato i tre teatri, i corridoi con le tante camere adibite a camerini e sale per le prove, i luoghi dove vengono costruiti gli oggetti di scena tra cui una grandissima falegnameria e stanze in cui vari artisti trasformano strutture di legno economico in pezzi di scena all’apparenza costosi e sontuosi. Ma il tour non si è concluso laddove solitamente termina perché il gruppo del C.G.S. ha avuto l’onore di poter incontrare Giuseppe Cannas, capo del reparto parrucche e oggetti di scena del National Theatre. Giuseppe ha guidato il gruppo nelle stanze in cui lavorano i talentuosi parrucchieri, truccatori e stilisti del teatro e ha mostrato il modus operandi nella realizzazione delle parrucche e di effetti scenici quali il sangue finto e malattie della pelle; ha seguito una chiacchierata con Giuseppe in merito alla fortuna del teatro in Inghilterra, e in particolare a Londra, in confronto al poco successo che la cultura teatrale ha in Italia, e a proposito delle molte opportunità di studio e lavorative che il settore del trucco e acconciature di scena offre. Dopo essersi spostati a South Kensington, i ragazzi hanno visitato due dei musei del quartiere: il Science Museum e il Natural History Museum, per poi andare a vedere un altro strepitoso musical, stavolta più moderno, infatti nel New London Theatre va in scena dal 2016 “School of Rock”. Si tratta di uno strepitoso musical rock con la musica composta da Andrew Lloyd Webber e basato su un film del 2003; è un’opera mozzafiato, in cui stupiscono soprattutto gli attori poliedrici, le canzoni esaltanti e i cambi di scena rapidissimi. Incredibili gli interpreti più giovani, ragazzini in grado di suonare, cantare e recitare in modo impeccabile e sbalorditivo. L’aspetto più sorprendente del viaggio è stato proprio assistere alla fama di cui il teatro gode a Londra: manifesti di musical e altre opere in ogni metropolitana e nei tipici bus a due piani, tanti bellissimi teatri in giro per la città con file di appassionati all’esterno e gruppi di amici, famiglie e coppie all’interno che passano una serata a teatro così come noi italiani andiamo al cinema o guardiamo la tv. Il coinvolgimento del pubblico è incredibile: dopo ogni scena partono forti applausi, al termine del “Re Leone” qualcuno si commuove nonostante conosca la trama a memoria; durante “School of Rock” il pubblico partecipa come se vivesse esso stesso la vicenda, in particolar modo durante le scene musicali in cui si ha l’impressione di essere ad un concerto, e al termine il cast è ringraziato con una standing ovation in cui tutti gli spettatori si alzando in piedi, applaudono e urlano. Lascia senza parole osservare quello che accade sul palco ma non solo, anche la platea contribuisce a rendere il teatro un’arte così emozionante. È stato un viaggio istruttivo, che fa aprire gli occhi verso una realtà diversa, e conclusosi nella speranza che anche in Italia, culla del teatro antico, la cultura teatrale ritrovi la sua popolarità.

Maria Letizia Muratore

http://cgs-sardegna.it/2017/05/03/cgs-sardegna-a-londra-tra-arte-e-teatro/

error: Content protect!